L’obesità: cos'è e come sconfiggerla
Lunedì, 29 Maggio 2017

L’obesità: cos'è e come sconfiggerla

Sempre più persone oggi si interrogano riguardo agli integratori. E’ necessario assumerli? Che effetti realmente hanno? Fanno bene all’organismo? Come posso verificarne l’utilità? Sono tutte domande corrette e giuste mosse dal desiderio di fare effettivamente del bene al proprio corpo e alla propria salute. In un mercato in cui si pensa ancora troppo purtroppo al vendere prodotti che effettivamente alla soddisfazione del consumatore è necessario porsi delle domande e ricercare la migliore qualità possibile. Una volta ricercati e trovati i migliori prodotti in commercio bisogna assumerli con costanza e consapevolezza, dal momento che possono veramente fare la differenza nella nostra salute e nella nostra vita di tutti i giorni. Le situazioni in cui sono indicati gli integratori sono molte, poiché quello che fanno è fornire al nostro corpo tutto ciò di cui ha bisogno per vivere al meglio. Quindi vanno assunti anche nei casi per esempio di obesità e in cui si desidera dimagrire.

L’obesità può essere di origine genetica oppure acquisita

Nel primo caso una forte dose di responsabilità va attribuita all’alimentazione scorretta da parte della madre durante la gravidanza. Infatti se vengono assunti alimenti dannosi e contenenti sostanze tossiche (zuccheri o aspartame per esempio) gli adipociti si moltiplicano in modo eccessivo nel feto predisponendolo all’obesità. Quindi per una madre che desidera il meglio per il suo futuro figlio, è necessario mangiare in modo adeguato durante la formazione del feto, fornendogli con l’alimentazione tutte le sostanze di cui ha bisogno e ricorrendo ad integratori per quelle sostanze che assume in dose non sufficiente con il cibo. L’obesità acquisita invece deriva da uno stile di vita scorretto, da una alimentazione eccessiva o dall’assunzione di tipologie di cibi nocivi da parte del soggetto direttamente interessato. 

L’iperfagia (un appetito troppo sviluppato) avviene quando nel corpo umano il meccanismo che controlla l’assimilazione, il metabolismo e l’utilizzo di certe sostanze nutrienti (come i sali minerali o le vitamine) è alterato oppure quando il controllo dei centri posizionati nell’ipotalamo che si occupano della fame non funziona in modo adeguato. 

Anche problemi psicologici, mancanza di motivazione, assenza di stimoli, assenza di movimento, difficoltà nel gestire e vivere le emozioni possono contribuire ad aumentare l’appetito e ad alterare l’equilibrio psico-fisico della persona. 

Per calcolare la quantità di massa grassa presente esistono molti strumenti e molte tabelle, anche se è consigliato il ricorso al plicometro, facile da utilizzare, pratico e affidabile.

Cosa molto importante è evitare le diete fai da te. Troppe persone ancora, stanche del proprio fisico, decidono di privarsi per un periodo di diverse tipologie di alimenti, con la speranza di trovare la forma perfetta. Tutto ciò oltre ad essere dannoso per il fisico non porta da nessuna parte, anzi. In effetti il numero di persone che in seguito a una dieta fatta male poi riprende subito il peso di prima (o lo alza perfino) è molto alto. Cosa fare quindi? Rivolgersi a un professionista che possa indicare una dieta adatta e un supporto energetico dato da integratori efficaci che possano aiutare il corpo nel processo di dimagrimento (contenenti per esempio sostanze come la Rodiola).

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×